Batteria al litio

Fuoco, incendio, calore elevato: Questi sono i rischi correlati alle batterie al litio

Gli accumulatori agli ioni di litio si trovano dappertutto: negli smartphone, utensili, automobili e ovunque ci sia bisogno di energia senza connessione di rete. Offrono moltissimi vantaggi, elevata efficienza e lunga durata. Inoltre, sono relativamente economici e resistono a molti cicli di carica. Tuttavia, le batterie agli ioni di litio continuano essere al centro di critiche. Il motivo: Batterie surriscaldate sono state in passato causa di incendi. Vi spieghiamo come si arriva a un cosiddetto “thermal runaway” e come questo può essere evitato.

Che cosa è un “thermal runaway”?

 

Con il termine “thermal runaway” o “runaway” si descrive un processo che porta alla combustione o esplosione di batterie agli ioni di litio. Quando un accumulatore si surriscalda, una delle cellule può iniziare a bruciarsi. Si verifica una reazione a catena: La cellula che brucia riscalda la cellula vicina che comincia anche a bruciare. Si parla di combustione esplosiva.

 

Perché si surriscalda un accumulatore?

 

La causa di un “thermal runaway” è da ricercare per lo più all’interno dell'accumulatore. Difetti di costruzione, polveri o danni possono provocare un corto circuito. Normalmente il polo positivo e il polo negativo sono separati tra loro. A tale scopo c’è il separatore, un sottile foglio di plastica. Spaccature nel separatore provocano un corto circuito e quindi uno sviluppo di calore. Particolarmente fatale: piccoli danni generalmente non provocano un incendio, ma possono diventare sempre più grandi. Con il danneggiamento di un accumulatore, l’incendio si innesca spesso solo poche ore dopo. Se un automobile elettrica è rimasta coinvolta in un incidente, la sua batteria potrebbe infiammarsi dopo 72 ore o più tardi ancora. Bisogna quindi aspettare un po’ di tempo per essere sicuri. Ciò vale anche per altri danni, ad esempio quando uno smartphone cade al suolo. 

 

Ciò significa, che gli accumulatori agli ioni di litio sono pericolosi?

 

Accumulatori agli ioni di litio possono provocare incendi in automobili elettriche, smartphone, sistemi di navigazione, computer portatili e in altri dispositivi elettronici. Tuttavia, è possibile ridurre il rischio osservando alcune precauzioni di sicurezza:

 

  • Evitare di caricare velocemente.
  • Non esporre dispositivi a batteria alla luce del sole.
  • Utilizzare solamente il cavo di caricamento originale.

 

Come riconosco una batteria difettosa?

 

Normalmente non è possibile visualizzare dall'esterno se un accumulatore agli ioni di litio riporta un danno. Un odore di plastica o di gas potrebbe essere un indizio, anche un rigonfiamento del dispositivo potrebbe lasciar intendere che ci sia un danno alla batteria. Un altro consiglio di prudenza: Quando spenta, la batteria non dovrebbe mai essere calda.

 

Come reagire in caso di incendio?

 

Nel caso si verifichi realmente un incendio: Gli accumulatori agli ioni di litio si spengono in acqua. Non provare tuttavia modalità di spegnimento rischiose. In caso di dubbio, telefonare preferibilmente i vigili del fuoco al 115.

Separare lo stoccaggio e il caricamento delle batterie al litio.

Protezione perfetta con i sicuri sistemi di stoccaggio e trasporto di CEMO.

Articolo

DT-Mobil COMBI - Fare rifornimento, sempre e dovunque

Rendetevi autonomi grazie alla stazione di rifornimento mobilie COMBI per diesel e AdBlue®.

Articolo

Stoccaggio sicuro di sostanze pericolose con i prodotti CEMO

La protezione dell’uomo e della natura stanno per CEMO al primo posto. Lo stoccaggio sicuro di sostanze pericolose come carburanti o lubrificanti è pertanto l’obiettivo del nostro lavoro. CEMO sviluppa prodotti per lo stoccaggio di sostanze pericolose, che rispettino tutti i requisiti giuridici combinando sicurezza con uso pratico ed eccellente gestibilità.

Come pioniere nell’ambito dello stoccaggio di sostanze pericolose, da noi potete aspettarvi tecnologia di trasporto moderna, massima qualità ed eccellente assistenza. Conosciamo i requisiti che valgono per lo stoccaggio di sostanze e vi forniamo prodotti che si adattano alle vostre esigenze.

 

Requisiti giuridici per lo stoccaggio di sostanze pericolose

 

Sostanze facilmente infiammabili, tossiche, corrosive, esplosive e nocive per la salute sono considerate sostanze pericolose e devono seguire determinati requisiti giuridici. Dato che tali sostanze vengono utilizzate in numerose industrie, lo stoccaggio sicuro di sostanze pericolose è, dal punto di vista intersettoriale, un tema rilevante.

Leggi, norme e disposizioni di prevenzione degli infortuni dovrebbero servire a una gestione corretta di sostanze pericolose. A seconda della sostanza, della quantità e del grado di pericolosità, si ricorre a diverse misure di sicurezza. Lo stoccaggio separato di sostanze infiammabili e l’utilizzo di tecniche di stoccaggio, che corrispondono alle disposizioni legislative e alle approvazioni di modello, sono sicuramente parte dei requisiti. CEMO lavora da decenni nell’ambito dello stoccaggio di sostanze pericolose, funge pertanto da valido esperto nella produzione di tecniche di stoccaggio sicure e conformi alla legge.

 

Prodotti versatili per lo stoccaggio sicuro di sostanze pericolose di CEMO

 

Vi offriamo una vasta gamma di prodotti versatili per lo stoccaggio sicuro di sostanze pericolose che corrispondono a tutti i requisiti giuridici. Dalle vasche di raccolta alle scaffalature per fusti, armadi e container, CEMO ha per ogni esigenze la soluzione adatta. Sia per spazi interni e che esterni troverete la tecnica di stoccaggio giusta per voi.

I nostri prodotti in VTR, PE e acciaio rispettano tutti i requisiti di sicurezza e consentono quindi uno stoccaggio conforme e salvaspazio di sostanze pericolose. Forniamo anche accessori e unità di estensione che si adattano alle nostre tecniche di stoccaggio.

Il nostro team è lieto di rispondere alle vostre domande relative allo stoccaggio di sostanze pericolose e vi offre esauriente assistenza. Per lo stoccaggio di sostanze pericolose affidatevi all’esperienza e al know-how di CEMO.